I PULCINI E GLI DEI – CASTERNO – VIRTUS SEDRIANO 9-2 (3-0, 1-2, 5-0)

Se per questa volta la volessimo mettere sul piano mitologico, potremmo dire che pare che anche agli dei della pioggia sia giunta voce che laggiù, in un piccolo borgo rurale circondato dai boschi a due passi dal fiume Ticino, ci sia un gruppetto di vivacissimi bambini con la maglia a righe neroverdi che non vedono l’ora di calzare le scarpette tacchettate per sprigionare tutta la loro energia su un prato verde in un gioco che gli abitanti terreni chiamano “calcio”.
E allora, come già successo a Busto Arsizio sette giorni prima, gli dei, per gustarsi anch’essi il piacevole spettacolo, decidono di prendersi una pausa dal loro incessante lavoro ed interrompono la pioggia giusto il tempo necessario per consentire che lo stesso vada in scena…..e così, a ombrelli chiusi, apre il sipario sulla partita tra Casterno e Virtus Sedriano.
 
Nonostante il terreno gonfio d’acqua e qualche scivolosa residua zona fangosa, le due squadre non sembrano patire il campo pesante e accendono il match fin dai primi minuti del primo tempo, nei quali, è la squadra di casa a prendere l’iniziativa offensiva che sfocia presto in gol con la marcatura di Pedretti. Raggiunto il vantaggio, la pressione del Casterno non si allenta anzi, i nostri Pulcini continuano a macinare un fluido gioco che porta prima al raddoppio di Cairati e poi al terzo gol messo a segno ancora dall’irrefrenabile bomber Pedretti. 
 
Chiuso il primo tempo sul 3-0, i neroverdi calano d’intensità nel secondo, nel quale la Virtus riduce lo svantaggio mettendo a segno due reti mentre Pastori sigla il quarto gol per la propria squadra.
 
Ma è nel terzo tempo che il Casterno dà il meglio di sé confezionando a ripetizione, una dopo l’altra, numerose e spettacolari azioni da buongustai del calcio che, in più di un’occasione, strappano gli applausi del pubblico presente.
Mentre i difensori neroverdi alzano robuste palizzate davanti alla propria porta, il radar di Pastori trova sempre compagni ben smarcati sulle fasce che guizzano veloci a servire i centravanti pronti ad insaccare…..e così sono ancora Cairati e Pedretti ad arrotondare il risultato mettendo a referto altri due bei gol ciascuno. 
Ma una menzione a parte merita il gol più bello di giornata, quello messo a segno da Orlandini che a metà del terzo tempo (…ci aveva già provato dalla stessa posizione qualche minuto prima spendendola sopra la traversa….) prende la mira e scaglia col destro una parabola all’incrocio dei pali dove l’incolpevole portiere biancorosso non può arrivare. È un gol che trova l’ammirazione speciale di Mister Allocchio che richiama subito a gran voce il suo piccolo campione verso di sé a bordo campo per tributargli i propri personali e meritati complimenti. 
 
……e  così termina la partita dei Pulcini del Casterno, quelli che giocano con la maglia a righe neroverdi nel piccolo borgo rurale a due passi dal Ticino….e chissà se gli dei della pioggia si sono divertiti; noi crediamo di sì…..ma se anche così non fosse, una pioggia di complimenti la facciamo certamemte noi ai nostri ragazzi. 
 
A sabato prossimo.
 
PP
18.3.18
 

Lascia un commento